Pragmacounseling. Manuale per la formazione in counseling.

0
336
van-gogh4

Pragmacounseling. Manuale per la formazione in counseling.

0.1 Introduzione
0.2 Indice

Introduzione.

Sono Domenico Nigro, mi occupo di counseling e di formazione in counseling da più di dieci anni; con questo articolo voglio aprire una via, pratica, di sostegno alla realizzazione di un progetto che mi sta molto a cuore: scrivere, a più mani, un “manuale per la formazione in counseling” utile a chiunque voglia imparare a fare counseling e a chiunque, a qualsiasi titolo, sia interessato al counseling.

Di tale manuale, puoi seguire gli “avanzamenti lavoro” accedendo ad una apposita pagina web di questo blog: CLICCA QUI, sarà la Tua rampa di lancio per approdare a tutto il materiale già scritto che comporrà il manuale stesso.

A chiunque volesse partecipare alla scrittura di questo “manuale”, chiedo espressamente di leggere con attenzione quanto già pubblicato, per analizzarne i contenuti, le ispirazioni e gli orientamenti, e valutare la propria disponibilità ed il proprio desiderio di dare un proprio contributo.

Il libro che ho in mente sarà un testo congegnato per rendere il più chiaro possibile e presentare:

  1. Cosa sia il counseling e come lo si pratichi,
  2. Cosa voglia dire, per noi counselor, “accogliere” ed “ascoltare”,
  3. Cosa sia la comunicazione, nel counseling, e come la si pratichi,
  4. Cosa sia e come si pratichi il lavoro su se stessi, nel counseling,
  5. Quali siano gli elementi di conoscenza teorico-culturale di base necessari per poter fare counseling,
  6. Quali siano e come funzionino le pratiche che strutturano il fare counseling.

Questo manuale è stato immaginato come una integrazione di cinque parti:

  1. una parte in cui si renda chiaro cosa sia il counseling, a cosa serva, cosa lo caratterizzi, cosa lo renda specifico, come si impari a farlo, quali risultati produca, come se ne certifichino le competenze.
  2. Una parte che presenti la storia del counseling, nella sua veste di specifica e particolare attività professionale, distinta e diversa da altre, in particolare da quelle degli psicologi e psicoterapeuti.
  3. una parte con oggetto:  “Cosa funziona e come nella comunicazione e come praticarlo nel counseling”.
  4. Una parte che presenti le conoscenze sull’ “esistenza umana” utili a fare counseling.
  5. Una parte sulle pratiche che strutturano la possibilità di fare counseling; una parte in cui tali pratiche vengono presentate e descritte ed in cui viene argomentato come funzionano e quali risultati possono produrre.

L’attuale architettura di questo libro-manuale-progetto, che aggiornerò man mano che nuovi contributi me lo suggeriranno, è pubblicata qui sotto, a conclusione del presente articolo, come “Indice” di questo stesso libro-manuale-progetto.

Tale “Indice”vuol essere una guida su cui ragionare e da cui farsi orientare, non solo per non perdere il filo degli articoli che del presente progetto saranno pubblicati in questo stesso blog;  questo stesso “Indice” vuole essere anche una traccia da seguire, per chi a questo stesso progetto vorrà contribuire, inviando materiale di propria produzione (CONTATTAMI per saper come).

Mi piacerebe proprio tanto se questo mio progetto ricevesse il contributo di chi, appassionato ed esperto della materia trattata, riconoscendosi nelle ispirazioni che la muovono, volesse generosamente  aggiungere qualcosa di importante, inviandomi materiale scritto di propria produzione (CONTATTAMI), di cui, nel caso di utilizzo, verrebbe certamente riconosciuta pubblicamente la titolarità.

Spero Tu voglia analizzare questo “Indice”, ed i capitoli già pubblicati, con curiosa attenzione, spinto da un desiderio di scoperta.

Ti sarà utile a meglio individuare ed immaginare i sentieri di conoscenza che questo manuale potrà proporre e al quale potresti dare, eventualmente, un tuo contributo.

Ti invito quindi a seguire gli sviluppi del presente progetto, leggendone progressivamente gli articoli che seguiranno.

Ed ora… l’

INDICE

Introduzione

1. Il Counseling come Pragmacounseling (clicca su questo titolo per leggerne tutti i  capitoli)

1.1 Innazitutto

1.2 Lo stato delle cose

  • 1.2.1 Cos’è il “saper far counseling”
  • 1.2.2 A cosa serve “saper far counseling”
  • 1.2.3 Cosa caratterizza il “saper far counseling”
  • 1.2.4 Cosa rende specifico il “saper far counseling”
  • 1.2.5 Come si apprende il “saper far counseling” (dove vengono introdotte la valenza, il concetto e le motivazioni dello “yogging”)
  • 1.2.6 Quali risultati produce il “saper far counseling”
  • 1.2.7 Come si attesta e certifica il “saper far counseling”

1.3 Appendici (clicca sui titoli per leggerle):

2. Storia del Counseling (clicca su questo titolo per leggerne tutti i capitoli)

Premessa

2.1       La nascita del counseling

2.2       I primi sviluppi del counseling

2.3       La contaminazione psicoterapeutica

2.4       Le abilità di counseling

2.5       Lo scippo italiano

2.6       Psicologia e Psicoterapia, due storie di intrecci e di diversità

2.7       La nascita del counseling in Italia

2.8       C’è un corpo della Psicoterapia moderna che aggiunge il Counseling alle sue anime

2.9       Il Counseling come antesignano della moderna Psicoterapia

2.10     Il Counseling come una delle anime della moderna Psicoterapia

Conclusioni

 

3.       Le competenze relazionali e di comunicazione

3.1   Saper comunicare

3.2   Saper ascoltare

  • 3.2.1 Ascolto Attivo
  • 3.2.2 Comunicazione Non Violenta
  • 3.2.3 Le interruzioni di contatto

3.3   Saper prendersi cura, di sè e degli altri

 

4. Cultura e natura umana. Gli orizzonti di conoscenza utili al “Saper far counseling”.

    4.1       La centralità della persona.  La dimensione filosofica, fenomenologica, esistenzialista del counseling.

    4.2       L’anima buddista del counseling.

    4.3       Il registro psicologico umanistico del counseling.

    4.4       La Gestalt. La teoria dei bisogni. Il processo di soddisfazione di un bisogno e le interruzioni di contatto.

    4.5       Nascita, crescita, autorealizzazione

  • 4.5.1    I cicli di vita.
  • 4.5.2   L’infanzia
  • 4.5.3    L’adolescenza.
  • 4.5.4    L’età adulta.
  • 4.5.5    La vecchiaia.
  • 4.5.6    L’appartenenza di genere.
  • 4.5.7   Le dinamiche di  coppia, quelle di  gruppo e quelle di comunità

 

 5. La formazione in counseling

Lo “Yogging” come declinazione dello Yoga S.P.A. : lo Yoga del Sentire, del Pensare, dell’Agire (vedi capitolo 1, paragrafo 1.2.5)

In questo capitolo vengono presentate:

A) le singole “pratiche” del counseling (e come si apprendono):

– l’accoglienza

– l’ascolto

– l’osservazione non giudicante

– la presenza

– i feedback

B) le esercitazioni/attività di Yoga S.P.A. funzionali all’apprendimento e alla capacità di utilizzo delle “pratiche” del counseling

 

  • Note
  • Bibliografia

 

CONTATTAMI

Inserisci un Commento

Puoi effettuare una Donazione al Blog Pragma Counseling
Dona a Pragma Counseling